le tinteggiature decorative


Realizzo usando prodotti specifici:

  • Decorativi materici
  • Stucchi decorativi
  • Spugnature
  • Terre fiorentine
  • Decorativi perlescenti
  • Carta da parati, bordure e cornici
  • Stencil
  • Velature e Tamponature
  • Finiture decorative in genere
Decorativo Perlescente in tre tonalità in camera da letto
Velatura decorativa perlescente con riquadri a parete e soffitto


Restauro della decorazione a soffitto in edificio storico in provincia di Mantova eseguito utilizzando materiali e tinte simili agli originali
Decoro a soffitto restaurato

Vuoi dare un tocco di originalità alla tua casa, renderla più moderna o ottenere  un particolare effetto di luce su una parete?

Vuoi impreziosire un ambiente e renderlo unico?

Vuoi recuperare un vecchio ambiente ripristinando i colori o decori originali?

 

Tutto questo è possibile con l'utilizzo delle pitture decorative.

 

Le offerte in ambito di decorazione murale permettono di rispondere alle più svariate esigenze comprendendo una vasta gamma di prodotti e soluzioni.


Pareti bagno eseguite con la tecnica della decorazione  murale stucco a base di grassello di calce
Decorazione murale in stucco a grassello di calce
Pareti in due colori eseguite con perlescente in velatura prodotto 'Antico velluto'
Tecnica decorativa della velatura in due colori


tecniche di decorazione murale

TINTEGGIATURE DECORATIVE: I MATERICI

 

Una posizione di spicco, tra le tinteggiature decorative di tendenza, è certamente occupata dai materici. Questo tipo di finitura murale si ottiene depositando 'materia', come il nome stesso suggerisce, che distribuita poi con maestria sulla superficie ricrea l'illusione di materiali come sabbia, pietra, legno, cemento, tessuti come il velluto, carta, pelle scamosciata, ecc.

Con il decorativo materico quindi si può ottenere una serie di effetti come: metallico, etnico, vellutato, perlescente, rustico, rinascimentale, graffiti, e così via.

 

TINTEGGIATURE DECORATIVE: LE VELATURE

 

La tecnica della velatura permette di ottenere una varietà di effetti illimitata e consiste nel sovrapporre a un fondo opaco un motivo in trasparenza  - da qui il termine ‘velatura’ - con una o più mani di tinta uguale o differente.  Esistono diversi tipi di velatura a seconda dello strumento utilizzato: si possono usare pennelli, appositi guanti, spatole, frattazzi spugnati, spugne e stracci.  Si ottiene così una decorazione più o meno rarefatta, leggera e sempre diversificata e unica.

Di seguito alcuni approfondimenti:


Spugnatura

E' la più diffusa e si esegue con spugna sintetica, per un effetto più uniforme e compatto, o naturale, per un effetto più irregolare e naturale. Si distingue tra spugnatura a mettere quando alle mani di preparazione e di fondo segua l’impressione in uno o più passaggi della spugna e a togliere che prevede invece la stesura della pittura - che deve essere un prodotto specifico di velatura - e il successivo picchiettamento sulla parete quando la pittura è ancora umida in modo da asportare parte della stessa. La prima tecnica produce una finitura più leggera e delicata, mentre con la seconda l’effetto è più evidente.

 

Stracciatura

Si esegue utilizzando un panno o uno  speciale strumento chiamato frattazzo simile a una spatola in legno duro dotata di manico sulla cui superficie è applicato del tessuto apposito. Il panno o il tessuto viene bagnato con la pittura e quindi picchiettato sulla parete preventivamente trattata con le necessarie mani di fondo.


Spatolato

Si esegue utilizzando una spatola metallica o in plastica dagli angoli arrotondati. La pittura viene distesa in più passaggi fino ad ottenere una superficie liscia e lucida dal forte impatto decorativo.

Terre fiorentine

Sono un prodotto di pregio dall’alto valore estetico. Ne esistono di vari tipi. Il prodotto per velature consente di ottenere chiaro-scuri e suggestioni che esaltano la struttura stessa del muro e rievocano le decorazioni rinascimentali rendendo la superficie liscia, quasi morbida al tatto. Particolarmente gradite sono, tra queste, le pitture perlescenti che arricchiscono, grazie alle polveri metalliche in esse contenute, le pareti con giochi di luce cangianti a seconda dell’angolazione con cui si guarda.

 

TINTEGGIATURE DECORATIVE: GLI STUCCHI

 

Stucco veneziano

Miscela di un insieme di componenti a base minerale (calce aerea, acqua, grassello di calce e polvere finissima di marmo) traspirabile e resistente alle muffe e ai batteri. La resa è una finitura decorativa che che ricorda gli stucchi presenti negli antichi palazzi di Venezia con sfumature ed effetti unici. La pittura apposita viene stesa utilizzando frattazzo di acciaio e successivamente spatola di acciaio per la finitura in più passaggi fino ad ottenere una superficie perfettamente liscia e lucida.

Secondo la tradizione, la tecnica dello stucco veneziano nacque in Medioriente più di 4000 anni fa. Secoli dopo riscosse grande successo a Venezia a motivo della resistenza dello stucco all’umidità, all’ottima traspirabilità e alle doti di resistenza. Lo stucco veneziano è adatto ad ambienti particolarmente raffinati, può essere comunque usato anche in contesti moderni o minimalisti per esaltare una parete o una zona particolare della stanza.

Stucco a base di grassello di calce

Simile allo stucco veneziano,ma più economico sia a motivo della miscela usata (a base soprattutto di grassello di calce) sia per la tecnica di lavorazione che prevede l’uso di una spatola di dimensione maggiore e un minor numero di passaggi. L’effetto risulta comunque pregevole e assai decorativo: il grassello di calce, infatti, nobilita l'ambiente creando un'atmosfera delicata ed accogliente.

Marmorino

Decorazione ottenuta con una tecnica antichissima già in uso presso gli antichi Romani, che prevede l’uso di uno stucco particolare steso con appositi frattazzi. La trama risulta simile a quella del marmo da cui il nome.

 

 

 



Apostoli Fabio - Tinteggiature Decorazioni Carta da Parati Resine Cartongesso Isolamento termico e acustico - Imbianchino in Brescia