l' isolamento termico e acustico


sistema a cappotto e cartongessi

Sistema a cappotto con imbottitura in lana di roccia con successiva applicazione di lastre in cartongesso
Rivestimento in lana di roccia per isolamento termico

Il costo dell'energia in costante aumento fa sorgere l'esigenza di ridurre le dispersioni termiche degli edifici unendo, se possibile, alle prestazioni termiche anche quelle acustiche.

 

Una delle soluzioni più efficaci è quella dell'isolamento a cappotto. L'applicazione di un 'sistema a cappotto' consiste nella realizzazione di una barriera che neutralizza la dispersione di calore verso l'esterno.

 

Il cappotto viene realizzato utilizzando pannelli di essenzialmente due tipi:

  • Pannelli accoppiati di vario spessore di polistirene espanso e gesso per l'isolamento termico con o senza particelle di grafite, che consentono una maggiore riflessione degli infrarossi e quindi una capacità isolante aumentata
  • Pannelli accoppiati di vario spessore per l'isolamento acustico e termoacustico di gesso e lana di roccia, materiale, quest'ultimo, di origine naturale, imputrescibile, idrorepellente, inattacabile agli acidi e resistente alle alte temperature con proprietà termoisolanti e fonoassorbenti.

Il sistema di rivestimento a cappotto permette, anche se non integrato previamente nella finitura dell'edificio, il recupero e il miglioramento delle condizioni termiche e, quando si rispettino i parametri determinati per legge, consente di accedere alla detrazione fiscale fino al 65 %!


la nuova frontiera dell'isolamento: le pitture termiche

Oggi il mercato offre prodotti a base di tecnologie che consentono un’alternativa all’uso dei tradizionali sistemi di isolamento (cappotto e applicazione di pannelli di cartongesso o altro materiale isolante): le pitture termiche.

 

Le pitture termiche sono speciali miscele contenenti nanosfere ceramiche adatte a qualsiasi tipo di superficie che conferiscono alla pittura stessa proprietà termoisolanti e termoriflettenti. Le nanosfere, grazie alla presenza di vuoto all’interno - così come i thermos - sono in grado di bloccare la dispersione di calore e, secondo lo stesso meccanismo, di evitare l’accumulo e l’assorbimento di calore. Il lavoro svolto dalle nanosfere si traduce in un notevole risparmio di gas ed elettricità per riscaldare/raffrescare l’ambiente.

 

L’uso di pitture contenenti queste speciali miscele si è rivelato inoltre molto utile per contrastare la produzione e la proliferazione delle muffe.

 

Inoltre l’utilizzo delle nanosfere, contenute all'interno delle pitture termiche, non comporta l’impiego di materiali chimici tossici, ma si basa su un principio di funzionamento fisico e pertanto è ideale per un uso domestico.



Apostoli Fabio - Tinteggiature Decorazioni Carta da Parati Resine Cartongesso Isolamento termico e acustico - Imbianchino in Brescia